• +39 0543036681

    forli@adiura.com

  • +39 3453983547

    Fb: Adiura Forlì

  • Via Ravegnana 117

    47122 FORLÌ

  • Lun – Sab H24

    Dom – su appuntamento

Colf e badanti regolari

Adiura ForlìNewsColf e badanti regolari
26 Novembre 2019 Posted by wp_3088428 News No Comments

COLF E BADANTI REGOLARI TUTTE LE NEWS

ROMA – “Ripristinare i flussi di ingresso per i migranti che arrivano in Italia per svolgere il lavoro di caregiver e badanti“. Lo chiede Andrea Zini, vice presidente di Assindatcolf, l’Associazione nazionale dei datori di lavoro domestico. E lo fa numeri alla mano, spiegando che da quando nel lontano 2012 non c’è stata più una progettazione dei flussi, il numero dei lavoratori domestici è non solo calato, ma è stato costretto a rifugiarsi nel nero o nel grigio, nonostante l’Italia invecchi, come ci racconta ormai periodicamente l’Istat.

Non solo. I due milioni e 455mila immigrati che nel 2018 erano regolarmente impiegati in talia, valgono 139 miliardi di euro (il 9% del Pil, più dell’Ilva), versano tasse e contributi generando introiti che ammontano a 25 miliardi di euro, una cifra superiore a quella che lo Stato spende per farsene carico. Sono una forza lavoro indispensabile, soprattutto nel settore della cura e dell’assistenza domiciliare, dove la loro incidenza supera il 70% del totale, ma che di fatto viene penalizzata per una mancanza ormai pluriennale di quote dedicate a ingressi effettivi di lavoratori stranieri stabili all’interno dei cosiddetti ‘decreti flussi’. E’ la fotografia scattata da Assindatcolf, Associazione Nazionale Datori di Lavoro Domestico e da Idos, Centro Studi e Ricerche, autore del Dossier Statistico Immigrazione 2019.

E che la presenza di colf e badanti rappresenti il settore più importante lo conferma l’Inps. Dei 859.233 colf e badanti regolarmente censite negli archivi Inps a fine 2018, ben 613.269 erano immigrati. “Un numero però – dichiara Andrea Zini – in costante calo dal 2012 ad oggi, quando i lavoratori stranieri regolarmente impiegati nel comparto erano 823mila. In 7 anni si sono, dunque, persi 210mila posti di lavoro a causa di una politica che non ha saputo riformare il welfare familiare e valorizzare questa forza lavoro, contribuendo al contempo al dilagare del lavoro ‘nero’ o ‘grigio’ che nel settore ha percentuali altissime: si stima, infatti che 6 domestici su 10 siano irregolari, ovvero 1,2 milioni di lavoratori”.

“Dal 2011 in poi – spiega Luca Di Sciullo, presidente Centro Studi e Ricerche Idos – l’Italia ha sostanzialmente bloccato i canali di ingresso legali agli stranieri che intendano venire stabilmente per motivi di lavoro. Tanto che ad oggi, per molti migranti ‘economici’, l’unica possibilità di entrare in Italia è quella di unirsi ai flussi di migranti ‘forzati’ che arrivano come richiedenti asilo, pur non avendo i requisiti per il riconoscimento. Una situazione che da una parte penalizza il mercato del lavoro, lasciando scoperti ambiti a forte domanda di manodopera estera e aumentando il lavoro nero, e che, d’altra parte, complica la già critica gestione dell’immigrazione, sciupando un potenziale beneficio per la società e lo Stato”.

Da qui l’appello congiunto alla politica: “E’ necessario tornare ad una programmazione dei flussi di ingresso, prevedendo quote dedicate a reali nuovi ingressi di lavoratori non stagionali, e modificando anche il sistema di rilevazione del fabbisogno, affinché prenda in considerazione, oltre alle esigenze delle imprese, anche quelle delle famiglie, superando così una delle tante contraddizioni di una gestione miope” concludono Zini e Di Sciullo. E basta guardarsi attorno per vedere chi effettivamene si occupa di anziani e bambini in Italia.

fonte:https://www.repubblica.it/economia/miojob/lavoro/2019/11/15/news/il_blocco_dei_flussi_migratori_ha_fatto_crollare_il_numero_delle_badanti-240856255/

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *